Nuraghe Chervu, benedizione in sardo, alberi e pietre per i neonati

Pietre

Pietre incise con i nomi dei neonati.

Domenica 25 novembre – Alle ore 12 in punto, dopo la Santa Messa/Missa Majore – officiata da padre Accursio nella Basilica di San Sebastiano – a coronamento del convegno internazionale “La lingua dei popoli/Sa limba de sos populos“, il fulcro delle manifestazioni si sposterà sul piazzale della pasticceria Brusa. Da qui si snoderà un breve corteo per raggiungere l’area monumentale di Nuraghe Chervu, dove si procederà alla cerimonia dell’Alzabandiera, omaggio floreale ai Caduti sardi e ai Caduti biellesi, presente il Sindaco e la scorta d’onore della Polizia Penitenziaria della Caserma “Alessandro Salaris” di Biella.
Seguirà la piantumazione di 23 ginepri/nìbaros, (Juniperus oxycedrusL. ssp.macrocarpa), provenienti da vivai sardi, fatti pervenire a Biella da Su Cuntzertu abbasantesu di Abbasanta (Oristano).
Protagonisti 23 bambini nati dopo il 2008 (anno dell’erezione di Nuraghe Chervu). Per ciascuno di loro, verrà messa a dimora una pianta in applicazione della Legge n° 113 del 29 Gennaio 1992, che prevede “Un albero per ogni neonato”. A fianco di ciascuna piantina, una quarzite, una grande pietra focaia.
Fin dalle epoche più arcaiche, risalenti alla scoperta dell’uso del fuoco, quarzi, selci e piriti sono associate alla generazione del fuoco; simbolo di vita, del sole per il calore e della luna per la trasparenza propria dei quarzi.
I ciottoli utilizzati provengono dalle antiche aurifodine romane della Bessa, prelevati e donati dalla cava Barbera di Cerrione, incisi a mano da Pietro Ottino, ultimo pica pere piemontese della Valle d’Andorno.
Alla cerimonia, parteciperà mons. Salvatore Pompedda di Ozieri (Sassari), collegiale del Santuario di N.S. di Oropa, già Capo Servizio Interforze, Regione Carabinieri Sardegna – 16° Zona Pastorale – CA, per impartire la benedizione religiosa in Lingua sarda, seguita dal grano beneaugurale gettato sul capo dei figli da mamme e donne di Su Nuraghe.
Dopo la cerimonia, pranzo sociale presso la sede degli Antoniminesi, con menu mediterraneo (info e prenotazioni: 01534638).

Simmaco Cabiddu


Sistemazione delle pietre focaie a Nuraghe Chervu

Pietre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.