Donna sarda vincitrice del Gran Torneo di “carte a scopa”

Antonietta Ballone, amministratore di Su Nuraghe, prima fra tutti.

Foto di gruppoVenerdì 22 febbraio 2013, a Biella, nelle sale del Circolo Culturale Sardo Su Nuraghe di Biella si è svolto il Gran Torneo di carte “a scopa”, aperto a soci di altre Associazioni aderenti a Circoli Arci e Acli presenti nel territorio Biellese. La serata, coordinata da Idelmino Rossi, coadiuvato da Maria Bosincu, ha visto la significativa presenza degli Alpini di Verrone.
In apertura di gara, sono state stabilite le regole “a baraonda”: sorteggio dei concorrenti per ognuno dei quattro gironi disputati; calcolo del punteggio di ogni giocatore ottenuto dalla somma di ogni singola vittoria, più la differenza dei punti della sconfitta inflitta.
A metà serata, immancabile “su cumbidu” il rinfresco a base di stuzzichini sardi e continentali, caldi e freddi, generosamente preparati e offerti dai soci di Su Nuraghe, ripetutamente assaporati dai presenti che assistevano e, ad ogni interruzione di partita, gustati dagli appassionati giocatori.
A sera inoltrata, vincitrice è risultata una donna, Antonietta Ballone, prima classificata con 98 punti, seguita da Gianni Rossi, secondo con 94, Roberto Spunton e Bruno Carli, rispettivamente terzo e quarto, 84 e 79 punti ciascuno. Per ognuno di loro la meritata medaglia di gara incisa, con l’aggiunta dei prodotti sardi messi in palio da Su Nuraghe: Vermentino di Gallura, pane carasau di Irgoli, salsiccia di Nuraminis, Formaggio “fiore sardo” di Marrubiu, mustazzolos di Oristano.
Tra i partecipanti: Franco Sanna, Ade Ferrari, Natalino Dallamonte, Franco Agus, Giuseppe Dellarolo, Giorgio Crepaldi, Vincenzo Lecis, Giuseppe Laurora, Carlo Avantario, Piero Turotti, Gianni Lai e Renato Carmellino, ritratti con al centro i quattro vincitori, soci e amministratori di Su Nuraghe che fanno loro corona.

Salvatorica Oppes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.