Il Comune di Villamar invia a Biella pietra a forma di Sardegna

Ermidio Pitzalis

Su incarico dell’Amministrazione Comunale guidata da Fernando Cuccu, Sindaco di Villamar, l’artista Ermidio Pitzalis ha realizzato una pietra a forma di Sardegna inviata a Biella per essere collocata nell’area monumentale di Nuraghe Chervu, iniziativa accredita quale progetto rientrante nel Programma ufficiale delle commemorazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Struttura di Missione per gli Anniversari di interesse nazionale, condivisa dal Prefetto di Biella, Annunziata Gallo.
Con delibera di Giunta, approvata all’unanimità, il Comune di 2.660 abitanti che sorge nella provincia del Sud Sardegna, aderisce al progetto del Comune di Biella e del Circolo Su Nuraghe, donando un’opera d’arte che, oltre a riportare il nome della località e il numero dei morti in guerra, è arricchita con la riproduzione della pintadera, marchio per il pane di epoca nuragica, risalente al II Millennio a.C., adottato dal 1986 come nuovo “logo” del Banco di Sardegna. Riprodotto fedelmente anche nelle parti mancanti, lo stemma pentagonale vuole indicare continuità ideale tra passato e presente – oltre i confini spazio – temporali – tra Sardi residenti in Sardegna e Sardi dell’Altrove. Secondo alcune stime, a fronte di poco più di un milione e mezzo di residenti in Sardegna, almeno altrettanti sarebbero i Sardi “disterrados”, “sradicati”: circa la metà di questi abitano nella Penisola italiana; 6.200 risiedono nella Provincia di Biella.

Simmaco Cabiddu

Nell’immagine: l’artista Ermidio Pitzalis e la sua opera a forma di Sardegna realizzata per “Su Nuraghe” Biella.

pietra di Villamar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.