Pizzico di amore e lievitazione lenta, il segreto del pane dei Sardi

Volontari di Su Nuraghe

Dopo la pausa estiva, l’appuntamento “pizza al Circolo”, servita l’altra sera a Biella nella sede di Su Nuraghe, ha fatto registrare il tutto esaurito. Momento atteso per ritrovarsi in serenità dopo i mille appuntamenti che hanno caratterizzato la ripresa dell’attività sociale, desiderosi di incontrarsi davanti a pizze squisite preparate da Pasqualino Senes e il suo fedelissimo staff di volontari. Impeccabili. Vestiti di tutto punto, con tanto di guanti, grembiule e cappellino, hanno predisposto tutto con cura, partendo dall’impasto lasciato, poi, riposare. “Nella lievitazione lenta, sta il segreto del pane”, afferma il pizzaiolo professionista, gestore per anni a Ponderano del “Pulcinella”, l’attuale pizzeria “Mangiafuoco”. “Come il pane della tradizione, leggero e profumato di buono – afferma Pasqualino, svelando un segreto tramandato da millenni – anche le focacce su cui stendere i condimenti devono essere preparate con cura, senza fretta e con un pizzico di amore”.
“Amore”, parola importante che, declinata in più modi, anima l’azione di Su Nuraghe, associata a “fare bene” e a “fare del bene”.
In un articolo di Leonardo Becchetti apparso tempo fa sulle pagine di Avvenire, veniva sviluppata quella che poteva sembrare poco più di un’intuizione. “Che cosa serve davvero oggi”, si chiedeva l’editorialista. Già nel titolo forniva la risposta: “siate egoisti, fate del bene”. Nel famoso paradosso della felicità, il filosofo utilitarista, John Stuart Mill, ricorda che non possiamo diventare felici cercando direttamente la nostra stessa felicità. Lo saremo se ci dedicheremo a qualcosa di utile per l’altro. Nel qual caso, lungo quella strada, troveremo anche la nostra felicità.
Ciliegina sulla torta, a fine serata, distribuzione di dolcetti preparati e offerti dalla generosità dei Soci.

Giovanni Usai

Nelle immagini: Volontari di Su Nuraghe; distribuzione di dolcetti.

Su Nuraghe, distribuzione di dolcetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.