Torneo di carte a scala 40, tessere e rafforzare rapporti amicali

partecipanti al Torneo di carte a scopa

Immagini

La sera di sabato 17 febbraio si è disputato il primo dei due tornei che chiudono il Carnevale dei Sardi di Biella. In questa occasione, le porte delle accoglienti sale di Su Nuraghe si sono spalancate ad accogliere soci di circoli Arci, Acli ed altri Enti presenti del Biellese, nell’ambito di scambi solidaristici e visite di cortesia. Tra le finalità, aiutare un territorio fragile tessendo e rafforzando relazioni e rapporti interassociativi. In un mondo di solitudini, lontananze, abbandoni e individualismi sempre più insidiosi, quello delle carte diventa strumento, gradito pretesto per trascorrere assieme momenti sereni in un ambiente protetto e ospitale.
Numerosa la presenza del Gruppo Alpini di Verrone con i quali si condividono iniziative in fraterna amicizia.
Nell’accogliere i graditi ospiti, il presidente di Su Nuraghe ha ricordato la recente scomparsa di Zaira Pistori, figura immancabile in questo tipo di tornei. Breve momento di raccoglimento seguito dall’estrazione degli abbinamenti. Alle donne presenti in sala il compito del sorteggio “a baraonda” per la formazione delle coppie di giocatori.
Rinfresco, medaglie, cesti ricolmi di prodotti sardi e bugie di Carnevale hanno fatto da cornice ai tavoli verdi dove si sono sfidati: Agus Franco, Atzei Luciano, Avantario Carlo, Demontagu Giorgio, Desogus Mariangela, Desotgiu Cesare, Failla Stefano, Jervasi Antonio, Laurora Giuseppe, Maffiotti Mario, Monaco Egidio, Montalto Alberto, Olla Giancarlo, Orrù Maria Assunta, Pinna Graziella, Rainero Laura, Salmasi Luca e Tiddia Efisio.
Prossimo appuntamento, sabato 24 febbraio, dalle ore 20.30, in via Galileo Galilei, 11, a Biella per l’altro Gran Torneo di carte a scala quaranta. (Info e contatti, 01534638)

Giovanni Usai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.