Ugo Re, combattente di 95 anni, a Biella all’inaugurazione del lastricato di Nuraghe Chervu

Biella, Nuraghe Chervu, inaugurazione del lastricato

Una numerosa rappresentanza di sindaci del Piemonte e della Sardegna hanno partecipato alla cerimonia inaugurale del lastricato monumentale alla memoria dei caduti della prima guerra mondiale. L’opera è stata realizzata presso l’area di “Nuraghe Chevu” di corso San Maurizio a Biella come simbolo dell’imperitura fratellanza esistente tra Sardegna e Piemonte.
Sono stati oltre duecento i Comuni delle due regioni che hanno inteso aderire al progetto portato avanti dal Circolo Culturale Sardo “Su Nuraghe”, promosso dalla prefettura e dalla città di Biella, inviando pietre locali con inciso il nome del Comune e il numero dei Caduti del primo conflitto mondiale.
Tra i numerosi rappresentanti sindaci dei Comuni, ha presenziato alla cerimonia anche il vicesindaco del Comune di Lequio Tanaro, in provincia di Cuneo, Giuseppe Trossarello che accompagnava il partigiano Ugo Re di Lequio Tanaro di anni 95.
“Nel 1983 – racconta il vicesindaco Trossarello – gli venne conferito dall’allora presidente Sandro Pertini, il titolo di grand’ufficiale della Repubblica italiana. Ugo Re, è la figura più significativa vivente del Comune di Lequio Tanaro. Nel periodo bellico, a 17 anni, venne trovato e catturato dalle milizie fasciste sotto un cumulo di fieno dove con alcuni compagni si era nascosto.
Accettò la fucilazione. Rimase per ben tre giorni al muro pur di non parlare e tradire gli amici, salvando in tal modo numerose vite umane. Ritenedolo uno sbandato, alla fine venne liberato e inviato in un campo di concentramento da dove fortunatamente ne uscì vivo. Nel periodo in cui in televisione c’era la famosa trasmissione di “Portobello” condotta da Enzo Tortora, era la seconda metà degli anni ’70, Ugo Re era stato ospite nella trasmissione per cercare i partigiani con cui aveva condiviso quei momenti tragici e la ricerca si dimostrò fruttuosa.
Ne furono ritrovati due. A seguito di questo fatto e conosciuta la vicenda, il presidente Pertini lo volle al Quirinale dove lo nominò grand’ufficiale della Repubblica Italiana. Per il nostro Comune – afferma il vicesindaco Tossarello . è motivo di orgoglio avere come cittadino Ugo Re che ha rappresenta e continua a rappresentare la figura dei combattenti per la libertà della seconda guerra mondiale.”

Sergio Rizzo

Fonte: cuneocronaca.it

Nell’immagine: Biella, Nuraghe Chervu, inaugurazione del lastricato. In primo piano, il partigiano Ugo Re in foulard tricolore con accanto al vicesindaco di Lequio Tanaro, Giuseppe Tossarello ed altri sindaci sardi e piemontesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.