Sardi a Biella nel secondo dopoguerra, il caso di Sarroch

Visita a Biella di Tullio Locci, con Roberto Perinu, Franco Piras, Enzo Espa, Laura Colonnetti Badini Confalonieri, Franco Borri Brunetto, Gonario Manconi

Mese di Agosto. Su Calendariu 2017 è il messaggio, tangibile e visivo, attraverso il quale la Comunità dei Sardi di Biella vuole fornire il proprio contributo alla memoria quale elemento fondamentale per la consapevolezza nell’affrontare il presente e costruire il domani.

Dal secondo dopo guerra Biella ed il suo territorio presentano diversi legami “personali” con il paese sardo di Sarroch. Dopo le sorelle Caboni Pinna, giunse a Biella durante il triennio 1960 – 1963, accompagnata dal figlio e da una delle nipoti, Giggina Pinna, vedova Caboni, la quale, già molto avanti negli anni, accettò poi l’invito a preparare i suoi dolci artistici in occasione della prima mostra dolciaria tenutasi presso il neonato Circolo Su Nuraghe. Soprattutto nei paesi di Candelo, Occhieppo Superiore, Vaglio-Pettinengo e Zumaglia, si insediarono diversi nuclei familiari provenienti dal centro isolano alle porte di Cagliari, alcuni dei quali, nel decennio successivo, fecero poi ritorno a Sarroch, soprattutto a seguito della costruzione della SARAS, una delle più grandi raffinerie d’Europa.
Gli spostamenti dal centro del cagliaritano verso le pendici di Oropa sono perdurate fino a epoca recente.
Nel 1991 fu organizzato uno scambio fra i ragazzi del Sarroch Calcio ed i coetanei della squadra della Pro Candelo. Il 15 Giugno 1991 da Sarroch a Candelo, in piazza Castello, giunsero una ventina di ragazzi fra i 10 ed i 12 anni, mentre a Settembre seguì lo scambio di visita in Sardegna. Ogni ragazzo, fu ospitato dalla famiglia di un suo coetaneo ed a seguito di ciò molti dei congiunti dei ragazzi coinvolti hanno stretto amicizia dandosi da allora reciproca ospitalità in occasione di periodi di ferie nelle rispettive terre. L’esperienza che ha trovato ripetizione per diversi anni, continua ai giorni nostri.

Gianni Cilloco

Nell’immagine: Visita a Biella di Tullio Locci, presidente della Lega Sarda, “Lega dei Circoli Sardi nell’Italia Continentale” (oggi F.A.S.I., Federazione Associazioni Sarde in Italia), con Roberto Perinu, Franco Piras, il prof. Enzo Espa di Sassari, Laura Colonnetti Badini Confalonieri di Pollone, il sindaco di Biella Franco Borri Brunetto, Gonario Manconi e due ospiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *