Carnevale dei Sardi, intreccio di tradizioni a generare bellezza

cucinieri di Su Nuraghe con al centro Antonietta e le sue zeppole

Sabato 16 febbraio, ore 21:00, Carnevale degli adulti – premio delle migliori maschera – Domenica 17 febbraio, ore 15:30, Carnevale dei bambini – animazione – degustazioni di zippulas, cattas, arrubiolos e para frittus

Durante il lungo e articolato Carnevale biellese, un posto particolare occupa quello organizzato dalla comunità sarda che vive ai piedi del Mucrone. Con un crescendo di iniziative, tra tornei di carte e calciobalilla, culminerà il prossimo fine settimana con due appuntamenti. Il primo: sabato 16 febbraio, Carnevale degli adulti, serata in maschera, con inizio alle ore 21; il secondo, domenica 17 febbraio, Carnevale dei bambini, con inizio alle ore 15:30. In entrambi i giorni sarà possibile gustare i dolci tipici del Carnevale isolano: zippulas, cattas, arrubiolos e para frittus, preparati dalle abili mani delle donne di Su Nuraghe, depositarie di antiche ricette di cui è stato possibile avere una gustosa anticipazione nelle “zeppole” preparate e offerte da Antonietta, servite al termine della “gran favata”, servita sabato 9 febbraio.
La favata di Su Nuraghe è controcanto culinario alle pubbliche fagiolate preparate nel Biellese da associazioni che operano nei paesi più piccoli e nei quartieri dei centri maggiori. Preparato da Domenico, Mario, Maria, Caterina, Anna e Margherita, il gustoso piatto di carne e legumi è stato apprezzato anche dagli amici della Pro loco di Ponderano che con il presidente, Alberto Marasco, la vice presidente, Tiziana Pedrazzo, e alcuni amministratori, hanno voluto festeggiare con Su Nuraghe la nomina di Antonietta Ballone, consigliere del Circolo sardo, eletta consigliere anche della Pro Loco di Ponderano di cui è la maschera ufficiale nei panni della “Marietta”.
Tradizioni e identità che si intrecciano a generare bellezza.

Giovanni Usai

Nell’immagine: cucinieri di Su Nuraghe con al centro Antonietta e le sue “zeppole”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.