A soli 48 anni se ne è andato Luigi Lizza

Venerdì 21 gennaio, alle ore 20.30, nella Basilica di san Sebastiano di Biella, guidati dal Cappellano di Su Nuraghe don Ferdinando Gallu, verrà intonato “Su Rosariu cantadu” in memoria dei Soci: Luigi Lizza, Clara Taberlet, Franco Deias e dei conterranei Picciau, Cabras, Pisanu recentemente scomparsi.

mirtoUn altro lutto, tragico, colpisce la Comunità dei Sardi di Biella. A soli 48 anni, se ne è andato Luigi Lizza, lasciando nello sconforto i figli: Valentina e Simone; i fratelli: Umberto e Bruno con le rispettive famiglie, zii, cugini e parenti tutti.
Nato a Cagliari, ma originario di Selargius, rimane orfano di padre in tenera età. Nel 1972, a soli dieci anni, arriva in Piemonte per raggiungere la sorella Serenella, infermiera presso l’ospedale di Biella; con lui la mamma Ofelia Mameli e i fratelli Umberto e Bruno.
Si innamora e si sposa: la gioia dei figli e, finalmente, una vita felice. Ma, poi, le cose iniziano a girare non più nel verso giusto: in poco tempo perde l’amata sorella, la mamma e il lavoro. Dignitoso e fiero qual’era, cerca di resistere alle avversità: apre una attività in proprio. Ma la fortuna non era dalla sua, guardava da un’altra parte. Seguono anni di sofferenze e di sconforto, di orgoglio offeso e di solitudine cercata. Vani i tentativi di aiuto in suo favore. Solo recentemente aveva accettato di essere in parte sostenuto.
Socio da sempre, abitava nello stesso cortile dove ha sede Su Nuraghe e, anche recentemente, passava in Associazione ad offrire la sua opera per piccoli lavori. Il suo cuore nobile e sensibile non ce l’ha fatta a sopportare il tempo dell’abbondanza sempre più sovente riservato solo a pochi.
Ieri sera, alle 19.30, in una chiesa straripante di parenti ed amici, la recita del Rosario in suffragio della sua anima.
Oggi, venerdì 7 gennaio, alle ore 10, i funerali nella chiesa parrocchiale di San Cassiano di Riva.
I figli della terra di Sardegna lo accompagneranno con le note dello sconsolato “Attittidu”, lamento funebre e accorata preghiera del Deus ti salvet Maria.
La cara Salma sarà inumata nel cimitero di Chiavazza.
In memoria dei tanti Soci e conterranei recentemente scomparsi, venerdì 21 gennaio, presso la Basilica di san Sebastiano di Biella, alle ore 20.30, guidati dal Cappellano di Su Nuraghe don Ferdinando Gallu, verrà intonato “Su Rosariu cantadu”.

Battista Saiu

9 commenti

  1. ciao LUIGI nn ci conoscevamo ,ma sapere che un altro conterraneo ha lasciato per sempre la vita terrena mette addosso sempre tristezza,spero che nell’aldila’ trovi quello che nn hai avuto sulla terra.

  2. Nell’unirmi al cordoglio dei familiari e di Su Nuraghe, mi auguro veramente che questo brutto periodo sia terminato.

  3. Ci uniamo al dolore di tutti voi per la perdita del giovane Luigi.

    Cari saluti

  4. Siamo vicini al Vostro dolore per la dolorosa perdita di Luigi e di tutti i Soci.
    Sempre cordiali saluti.

  5. Sincere e sentite condoglianze per la prematura scomparsa di un altro figlio di Sardegna.
    Il Circolo dei Sardi La Quercia di Vimodrone in questo momento di grande dolore è vicino ai familiari e agli amici del circolo ” Su Nuraghe”.

    Il Presidente, Gianpiero Fenu

  6. Caro battista sono in Sardegna ma vicino sempre alla nostra comunità.
    Porta le mie condoglianze alla famiglia.

    un abbraccio sincero

  7. Sentite condoglianze da tutti i soci del nostro circolo sardo di Oulx alla famiglia del defunto Luigi Lizza.

    Piras vincenzo

  8. Sentite condoglianze ai familiari a nome del Direttivo dell’Associazione Cuncordu.

    Maurizio Sechi
    Associazione CUNCORDU

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.