Ragazzi dell’oratorio di Pettinengo in visita al Museo delle Migrazioni

Gurgo di Pettinengo, ragazzi dell’oratorio

Ogni anno noi ragazzi della Diocesi di Biella organizziamo la settimana della “Missione Popolare” che consiste nel preparare una serie di incontri su tematiche “sociali” che ci interessano e vogliamo conoscere meglio, come carcere, ragazze vittime della tratta, malattia, ecc.
Nel corso delle riunioni, alcuni giovani hanno palesato l’interesse di scoprire la realtà delle comunità Rom.
In seguito a questa proposta è nata l’idea di andare a visitare (con i ragazzi del post cresima di Pettinengo) la mostra fotografica “Omaggio a Tavo Burat, Gustavo Buratti Zanchi”, realizzata da Andrea Ciprelli e dall’Associazione “Su Nuraghe”, come estensione degli allestimenti del Museo delle Migrazioni, Cammini e Storie di Popoli.
Il fotografo Ciprelli con i suoi scatti ci ha mostrato le abitudini giornaliere e lo stile di vita delle persone del campo Rom di Lungo Stura Lazio, a Torino, ora smantellato.
Queste foto ci hanno fatto capire quanto loro – gli zingari – siano molto legati alla tradizione ed ai loro costumi. Abbiamo potuto vedere negli scatti fotografici quanto sia forte l’aiuto e la solidarietà all’interno della comunità ma anche quanto la società sempre più ostile continui ad emarginarli. Perciò, riteniamo utile, fors’anche fondamentale, far conoscere questa realtà ai ragazzi giovani che vogliono contribuire a costruire una società più giusta ed anche per evitare che in futuro non si possano ripetere errori e atrocità che la storia ha già condannato.

Lorenzo Tosi

Nell’immagine: Gurgo di Pettinengo, ragazzi dell’oratorio sugli scalini della chiesa dei santi Grato ed Eusebio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.