Riflessioni in poesia davanti alla bandiera sarda firmata da soldati ucraini “che non ci sono più”

descrizione
In risposta agli aiuti fatti pervenire da “Su Nuraghe” alla popolazione ucraina attraverso i Frati Francescani Minori di Biella, arriva l’immagine della bandiera dei Quattro Mori firmata “con gratitudine dai soldati ucraini”.  “Ci siamo visti con padre Paschalis – scrive nel messaggio informativo padre Costantin, guardiano del convento di San Sebastiano – precisando “che alcuni di loro non ci sono più”. Il riferimento è a quelle firme apposte sulla bandiera donata dal Circolo sardo di Biella al momento della consegna dei beni di prima necessità raccolti nel Biellese.

Guerra fratricida che pare non voglia finire. “Ai versi di Nicola Loi affidiamo immancabili doverose riflessioni – commenta il presidente di Su Nuraghe, Battista Saiu – affinché ciascuno faccia la sua parte in quello spirito di fratellanza di cui anche il Natale appena trascorso è messaggero”.

Riflessioni in lingua materna che, nella traduzione di Gabriella Peddes verranno riproposte attraverso il Laboratorio Linguistico “Eya, emmo, sì: là dove il sì suona, s’emmo e s’eya cantant”, incontri mensili tra il Circolo “Su Nuraghe” di Biella e il Circulo sardo “Antonio Segni” di La Plata (Argentina).

Salvatorica Oppes

Nell’immagine, bandiera sarda firmata da soldati ucraini di cui “alcuni non ci sono più”


Bentos de ispera

M’intendo che una barca in abbandonu,

In-d-unu mare malu de arrennegu.

Cust’omine no podet esser’ bonu,

Si est su frade bochinde che tzegu.

Custas gherras chi no tenen acabbu,

Sa zente est in su totu in disisperu.

No si cumprendet sa mama e su babbu,

Amus tocadu su fundu abberu.

Famene e males de donzi manera,

Est afligida custa umanidade.

E no est una nue passizera,

Est temporada de disamistade.

Comente podet esser’ su Nadale,

Cando currinde est su sambene a rios.

E faeddamus de bene corale,

Però dende a sa paghe sos adios.

S’odiu abberu fora nd’est bessinde,

Che cane chi truncadu at sa cadena.

Sos debiles totue sunt bochinde,

No b’at pius piedade cun pena.

Ma ite contat sa zenìa umana,

Chi semus che sos canes cun s’arrabiu.

Solu a tocheddu sonat sa campana,

Chie cumandat no est su pius sabiu.

Como no b’est pius sa gherra frita,

Ca est abberu alluta de fogu.

A sos pius macos dende sunt sa tita,

Comente chi sas armas siant giogu.

Semus che braja suta sa chijina,

Sos bonos sunt ispinas suta-ludu.

Est totucantu subra de una mina,

In manos a su peus tostorrudu.

Fizos nostros in manos de Cainu,

Est seguru su tempus benidore?

Semus che foza in mesu trainu,

Sun festas de piantu e de dolore.

Su mundu intreu in manu a su vitziu,

De ispera no s’abberit sa ventana.

Si su machine no iscurtat giuditziu,

Isparghimus che ozu sa matana.

S’ispera nachi est s’ultima dea,

E la lassamus sa fiama alluta.

Solu sos bonos cun bona-idea,

Podent salvare totu dae sa ruta.

No creo chi su mundu totu intreu,

No abberzat sos ojos un’iscuta.

Est a leare abberu custu impreu,

O cherimus restare abberu suta.

S’inari siat azudu pro s’amigu,

No pro falare sa zente a piuer.

Pro comporare meighinas e trigu,

Sighinde su caminu sena ruer’.

Cust’annu nou che tanchet sa janna,

A totucantos custu chi apo iscritu.

Su mundu fetat una festa manna,

Solu pro cussu ponimus apitu.

Nigolau Loi, su 28 de Nadale 2022

Venti di speranza

Mi sento come una barca in abbandono,

In un mare cattivo di dannazione.

Quest’uomo non può essere buono,

Se sta il fratello uccidendo alla cieca.

Queste guerre che non hanno fine,

La gente è in totale disperazione.

Non si intendono la mamma e il babbo,

Abbiamo toccato il fondo davvero.

Fame e mali di ogni maniera,

E’ afflitta questa umanità.

E non è una nuvola passeggera,

E’ temporale di discordia.

Come può essere il Natale,

Quando scorrendo sta il sangue a fiumi.

E parliamo di bene corale,

Però dando alla pace gli addii.

L’odio davvero fuori sta venendo,

Come cane che troncato ha la catena.

I deboli dappertutto stanno uccidendo,

Non c’è più pietà con pena.

Ma cosa conta il genere umano,

Poiché siamo come cani con la rabbia.

Solo a rintocchi suona la campana,

Chi comanda non è il più saggio.

Adesso non c’è più la guerra fredda,

Perché è davvero accesa di fuoco.

Ai più matti dando stanno il seno,

Come se le armi fossero giocattoli.

Siamo come brace sotto la cenere,

I buoni sono spine sotto fango.

E tutti quanti sopra una mina,

In mano al peggior testardo.

Figli nostri in mano a Caino,

E’ sicuro il tempo che verrà?

Siamo come foglia a metà guado,

Sono feste di pianto e di dolore.

Il mondo intero in mano al vizio,

Della speranza non si apre la finestra.

Se la follia non ascolta giudizio,

Spargiamo come olio la mattanza.

La speranza dicono è l’ultima dea,

E lasciamo la fiamma accesa.

Solo i buoni con buoni intendimenti,

Possono salvare tutto dalla rovina.

Non credo che il mondo tutto intero,

Non apra gli occhi un momento.

Bisogna davvero prendere questo impegno,

O vogliamo restare davvero sotto.

Il denaro sia aiuto per l’amico,

Non per ridurre la gente in polvere.

Per comprare medicine e grano,

Seguendo il cammino senza cadere.

Quest’anno nuovo chiuda la porta,

A tutte le cose che ho scritto.

Il mondo faccia una festa grande,

Solo a quello mettiamo capo.

Nicola Loi, 28 Dicembre 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.