Visita al Museo delle Migrazioni, ragazzi dell’ITIS di Biella raccontano

Pettinengo, ragazzi e insegnanti della classe 1H di ITIS Quintino Sella di Biella

Il 9 aprile 2019, siamo andati a Pettinengo, in Sardegna, sì, proprio in Sardegna perché a Pettinengo c’è un bene extraterritoriale della Regione Autonoma della Sardegna dove è allestito il Museo delle Migrazioni, Cammini e Storie di Popoli, realizzato dal Circolo Culturale Sardo Su Nuraghe di Biella. Qui ho vissuto un’esperienza molto interessante attraverso i molti argomenti che mettono in relazione le diversità e le tantissime similitudini come quelle tra le lingue e i dialetti parlati nel mondo. Questa visita “apre gli occhi”, ci fa capire quanto siano vere o false diverse affermazioni e/o discriminazioni, i cosiddetti luoghi comuni.
Mi sono ritrovato, visto che ero uno dei pochi ragazzi a saper parlare un po’ di piemontese, a dover leggere un testo in dialetto grammaticalmente corretto, ma per me è stato tutt’altro che facile. È stata la prima volta che ho letto in pubblico nella “mia” lingua materna. E devo dire grazie al museo allestito a Pettinengo dai Sardi e al loro progetto sui beni immateriali da cui è nato un “Laboratorio storico e linguistico per l’integrazione”, fatto in classe, con i nostri professori.
Nel breve dibattito seguito alla lettura, ci siamo resi conto che, con la venuta delle nuove generazioni i dialetti saranno destinati a sparire (a parere mio sarebbe un peccato perché sono molto interessanti da sentire e soprattutto da conoscere). Per me è stata molto difficile la lettura del testo, proprio perché non siamo più abituati a leggere il nostro dialetto e a saperlo. Anche se, mi ritengo fortunato perché sono ancora uno dei pochi della mia generazione a conoscere e parlare un po’ il Piemontese.
È stata un’esperienza positiva sia perché adoro il Piemontese, sia per l’interessantissima visita guidata al museo. Consiglio a tutti di visitarlo.

Matteo Andrigo

Nell’immagine: Pettinengo, ragazzi e insegnanti della classe 1H di ITIS “Quintino Sella” di Biella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.