Storie di impresari biellesi in Sardegna al Museo delle Migrazioni

Museo delle Migrazioni, strumenti di misura

Pettinengo, Museo delle Migrazioni, Cammini e Storie di Popoli – inserito nella Rete Museale Biellese – aperto tutte le domeniche, ore 14:00-19:00. Info e contatti: Idillio, 3343453649 – Ingresso libero.

Le esposizioni presenti al Museo delle Migrazioni, Cammini e Storie di Popoli di Pettinengo si rivolgono a soggetti diversi che negli oggetti in mostra posso vedere riflessa la storia della propria terra di origine. Così è la sezione dedicata alla migrazione biellese in Sardegna dove si possono osservare alcuni strumenti topografici perfettamente funzionanti, in dotazione alla Ditta Boggio Marzet, impresari della Valle del Cervo. Tra questi: l”alidada”; lo “squadro semplice” con le fenditure per traguardare l’oggetto in cui sono visibili sul cilindro due delle fenditure della doppia alidada; lo “squadro a cannocchiale” con goniometro per l’angolo azimutale; un “teodolite Salmoiraghi” del 1898, con scale goniometriche dotate di piccoli microscopi di lettura e una “Livella a cannocchiale” prodotta a Parigi dall’Atelier di Marc François Louis Secretan.
I pannelli esplicativi sono a cura del prof. Giulio Barbato, ordinario del D.I.G.E.P., Dipartimento di Ingegneria Gestionale e della Produzione, membro effettivo del Collegio di Ingegneria Meccanica, Aerospaziale, dell’Autoveicolo e della Produzione, componente il Comitato scientifico del Museo delle Migrazioni, Cammini e Storie di Popoli.
A fianco degli strumenti di misura, fotografie inedite della costruenda strada Capoterra-Pantaleo-Santadi di km 32,499,16, risalenti al febbraio – maggio 1934, ricavate dagli album della collezione della famiglia Boggio Marzet.
Studio preliminare, tracciato e rilievo del progetto stradale sono opera di Silvio Boggio Marzet (1899 – 1981), geometra che ha lavorato in Sardegna con Paolo e Adalberto Albertazzi. Impresario prima con il padre Antonio e, poi, a Coggiola, alla Bozzalla & Lesna, il geometra Silvio ha lavorato alla costruzione di fabbricati industriali, asilo, impianto idroelettrico sul Sessera; a Biella, con lo Studio dell’architetto Ravizza per la costruzione della palestra-piscina Rivetti; asilo, fabbricato industriale e ville ad Occhieppo, con impresa Delleani. Ragazzo del ’99, Silvio ha partecipato alla Prima Guerra Mondiale come Maggiore veterinario. È stato sindaco del Comune di Quittengo per 12 anni e presidente della Scuola Tecnica di Campiglia Cervo per 25 anni.

Simmaco Cabiddu

Allegato: Museo delle Migrazioni, strumenti di misura (particolare dell’allestimento)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *