Albizzate non dimentica, consegnata a Biella pietra della memoria

Eliana Brusa, Emanuela Bettega, Mauro Magistrali, Raffaella Penna

Giovedì 3 settembre 2020 è stata consegnata a Biella la “pietra del ricordo” con inciso il nome di Albizzate e la cifra 18, corrispondente al numero dei Caduti albizzatesi durante il Primo conflitto mondiale.
Ad accogliere la delegazione, appositamente arrivata dalla provincia di Varese, l’architetto Raffaella Penna, dell’assessorato Parchi e Giardini dell’amministrazione guidata dal sindaco Claudio Corradino, e Battista Saiu, presidente del Circolo Su Nuraghe di Biella.Continua a leggere →

Sardi e Alpini, mari e monti che si incontrano a Mottalciata

Alpini di Mottalciata e Farinei del BBQ

Altre immagini

Accompagnato da un piacevole sole, sabato 5 settembre 2020, si è svolto il secondo appuntamento con campo base presso la sede degli Alpini di Mottalciata. Nelle ben attrezzate cucine della locale Associazione d’Arma presieduta da Ezio Bongiovanni, la preparazione di gamberoni alla piastra e frittura di triglie. Nel mentre, nell’adiacente terreno prospiciente la piazza su cui si affacciano le sedi di altre associazioni, sono state predisposte le griglie per la cottura delle orate, guardate a vista da “I Farinei del BBQ”, specialisti di barbecue, ben noti e apprezzati anche fuori dei confini del paese in cui operano.Continua a leggere →

Lingua sarda di ritorno nei proverbi africani di padre Oliviero Ferro

descrizioneIl Piemontese Padre Oliviero Ferro partirà giovedì 10 settembre: destinazione Cagliari. Originario di Plello di Borgosesia, collabora col Circolo sardo Su Nuraghe di Biella. Avendo già lavorato a Macomer e a Cagliari, affronta la nuova destinazione con spirito missionario, lo stesso che l’ha visto impegnato per oltre 13 anni nella Repubblica Democratica del Congo e in Camerun. Attualmente cappellano al Porto commerciale di Marghera, il suo è il terzo viaggio in Sardegna. Dopo aver studiato nel seminario a Novara, ha svolto il suo ministero in terraferma anche a Salerno, a Gallico-Reggio Calabria e a Taranto.
Attingendo alle regole consuetudinarie africane, che attraversano generazioni e millenni, Padre Oliviero ha scoperto come molte sentenze sapienziali africane siano universali e dialoghino con quelle presenti in Sardegna, in Piemonte e nel continente europeo.
In vista della nuova destinazione isolana, i proverbi africani da lui studiati vengono tradotti in sardo campidanese dal dott. Giulio Solinas di Quartu Sant’Elena – medico dei quartesi per più generazioni – docente e scrittore che, da oltre mezzo secolo, si dedica alla difesa, alla conoscenza e alla diffusione della lingua sarda campidanese.Continua a leggere →

Casa Sardegna a Biella, 300 anni di storia comune, Settembre

Biella, manifestazione a Nuraghe Chervu

Nel 300° Anniversario dell’unione tra Piemonte e Sardegna, le immagini di Nuraghe Chervu, pubblicate in Su Calendariu 2020, edito dal Circolo Culturale Sardo “Su Nuraghe” di Biella, ci accompagnano con cadenza mensile tra pagine di storia locale e nazionale

I Sassarini biellesi – Fin dall’inaugurazione dell’area monumentale di Nuraghe Chervu a Biella, nel 2008, si impose l’opportunità di effettuare un censimento dei Caduti biellesi della Grande Guerra. Il lavoro partì dall’esame dei nomi scritti sulle lapidi commemorative disseminate sul territorio. Federico Zorio, I° Capitano di Complemento Genio Guastatori in pensione, iniziò una ricerca presso gli Archivi di Stato di Biella e di Vercelli, passando in rassegna i fogli matricolari di mobilitati e chiamati alle armi dal 1874 fino alla leva del 1900. Dopo 8 anni di lavoro, la sua preziosa e paziente fatica individuò la chiamata alle armi di 22 uomini del territorio biellese inquadrati nei Reggimenti della Brigata “Sassari” durante il I Conflitto Mondiale.Continua a leggere →

Na paròla piemontèisa al mèis, settembre / stèmber: “G” come “Gagiura”

Omaggio dei Sardi dell’Altrove alla terra di accoglienza, “omagià daj Sardagneuj fòra ’d Finagi

incipit G in Missale Magnum Festivum Domini Georgii ChallandiI vocaboli in lingua piemontese letteraria, illustrati da preziosi capilettera tratti dal Missale Magnum Festivum Domini Georgii Challandi, codice miniato del XV secolo, conservato ad Aosta, sono inseriti nel Laboratorio linguistico di storia e cultura sarda e piemontese del Circolo “Su Nuraghe” di Biella, per imparare a leggere e scrivere nella lingua della terra di accoglienza.
A son ëd paròle a la bon-a deuvrà ant un contest poétich conform a la tradission ëd “La bela scòla dij Brandé”, sërnùe e cudije da Sergi Girardin (Sergio Maria Gilardino) – Sono parole adoperate in contesto poetico nella tradizione letteraria dij Brandé, a cura di Sergio Maria Gilardino. La litra “G” cmè ch’i la trovoma al dësbut ëd la paròla “Gagiura”, vale a dire: la lettera “G” illustra la parola “Gagiura”.
Gagiura s.f. 1 impegno 2 scommessa || … e torna a l’é përdùa toa gagiura ’d seugn [Clivio] = e di nuovo è persa la tua scommessa di sogno ® [etimologia: dal francese engager, che significava “obbligare con pegno”, dal germanico francone waddi].Continua a leggere →